Licantropi

Io ti guardo, tu mi guardi e la luce dei tuoi occhi mi riporta come un tempo al paese dei Balocchi quando il cielo era sereno e non era così nero. Poi i pensieri pessimisti se ne vanno tra i ricordi se ti tengo tra le braccia ed aspetto quando dormi e se poi fai brutti sogni
trovi me quando ti svegli.

Poi la luce del mattino fa disegni contro il muro e ci dice di vestirci sarà forse un giorno duro.
Ma se torno e ci sei ancora niente mi fa più paura.