Berlusconi e la sua piccola Piazzale Loreto

 

http://discutibili.com/2013/08/02/berlusconi-e-la-sua-piccola-piazzale-loreto/

 

 

About these ads

12 pensieri su “Berlusconi e la sua piccola Piazzale Loreto

  1. Riporto qui il commento che volevo lasciare al tuo ultimo post sul blog i discutibili, perché, dopo che qualche giorno fa con uno dei componenti del blog ci siamo scambiati alcuni commenti un po’ roventi, mi è stata preclusa la possibilità di commentare!!! Questa è proprio vera democrazia …. APPLAUSI

    Ho votato quest’anno (e probabilmente ho sbagliato, non avrei dovuto farlo) dopo più di vent’anni che non lo facevo più!!!! Hai fatto benissimo tu a proseguire con la tua idea del non voto!
    Hai scritto un post lunghissimo, ma l’ho letto tutto d’un fiato, come, devo dirlo, faccio con tutti i tuoi post, anche quelli ai quali non lascio alcun commento. Hai detto tutto tu, almeno per quanto riguarda il mio modo di vedere e di pensare.
    Concordo in pieno su tutto quello che hai scritto, dalla prima all’ultima parola.
    Ciao 😘
    Marta

      • Non ho litigato con nessuno, ho solo espresso il mio pensiero, poi mi si sono scagliati contro in tanti. Comunque il post è “Kaies” di intesomale. Vai e leggi i commenti che ho scritto e le risposte degli altri, non era mia intenzione discutere con nessuno, ma hanno interpretato in modo sbagliato il mio primo commento. In ogni caso lascia stare, non voglio che per colpa mia finisci per litigare con i tuoi amici. Va bene così, tranquillo.
        Ciao un bacio
        Marta

        • Ho letto ora.
          Amica mia la violenza in qualsiasi forma fa schifo. Quando e’ di Stato e’ inaccettabile. Non importa se uccidi un cattivo (o presunto tale). Vivere in un posto dove non sei sicuro che le forze dell’ordine siano super partes e’ insopportabile . E sono certo che lo pensi anche te.
          Non vuol dire che tutti lo siano ma quando succede occorre che ci scandalizziamo e non cerchiamo di difendere l’indifendibile.
          Ho letto di recente un libercolo sulla fine di Carlo Giuliani a Genova.
          Ho letto che Placanica, la cui colpa vera e’ stata di essere un povero demente mandato allo sbaraglio, rientrato in caserma e’ stato accolto come un eroe da tutti gli altri sbirri.
          Questa cosa e’ più inaudita del dramma della fine di Carlo Giuliani.
          Raccontava Placanica che gli gridavano “benvenuto tra gli assassini ” dandogli pacche sulle spalle oppure “mors tua vita mea”
          Questo e’ inaccettabile e provo vergogna e sono certo che al di la degli atteggiamenti anche tu la pensi allo stesso modo.

  2. Mi piacciono le persone che dicono quello che pensano e soprattutto mi piacciono quelle che fanno quello che dicono! È il mio motto.
    Amico mio, virtuale, ma mi piacerebbe moltissimo conoscerti veramente ed averti come amico vero! Forse non mi crederai, ma io ho un sesto senso che non tutti hanno e mi ha fatto capire che sei una bellissima persona.
    Non puoi nemmeno immaginare quanto mi ha fatto stare male il tuo commento, perché anche tu non hai capito quello che intendevo dire! Ho letto e riletto i miei commenti e non riesco a comprendere cosa ci sia di così orribile in quello che ho scritto! Ma cosa pensi (e pensate) che io dia ragione o sia dalla parte di quelle forze dell’ordine (polizia e carabinieri) che si comportano in modo così violento ed inumano come è successo ultimamente, ed anche prima? Io la penso esattamente come voi, ma cerco di vedere i fatti da ambedue le parti. Da una parte c’è il malavitoso che, non neghiamolo, in certi casi non esiterebbe a tirare fuori la pistola ed uccidere il poliziotto, dall’altra c’è il poliziotto che non sa chi ha davanti, potrebbe essere un ragazzo con in mano una pistola giocattolo, ma anche un delinquente che non esiterebbe ad ammazzarlo senza farsi alcun problema. A questo punto come la mettiamo? Io poliziotto dovrei farmi ammazzare senza reagire o difendermi? Poi quelli che si sfogano sull’arrestato in modo cosi brutale fino a portarlo alla morte, beh, per quelli vedrei solo il carcere a vita!!! Sono e sarò sempre contro la pena di morte, ma delle volte mi chiedo: se un essere perverso rapisse mio figlio, piccolo ed indifeso, lo violentasse, lo torturasse e poi, per finire, lo ammazzasse, cosa farei? Ti rispondo subito, o mi ammazzerei perché non riuscirei a sopportare un tale dolore oppure, prima di uccidermi ucciderei questa orribile persona che non ha, secondo me, nessun diritto di vivere, perché prima o poi uscirebbe di prigione e commetterebbe le stesse orribili cose per le quali è stato condannato.
    Forse non mi crederai, ma ho passato un gran bel ferragosto, assieme alla mia famiglia, mangiando, bevendo e ridendo, ma ogni tanto mi veniva in mente tutta questa storia. Tu non mi conosci, ma io sono molto sensibile e pensare che c’è chi mi giudica e pensa di me cose così terribilmente sbagliate, mi fa stare molto, molto male!!
    Odio la violenza, da qualsiasi parte provenga, ma delle volte bisogna cercare di capire il perché qualcuno si comporta in un certo modo, sia esso dalla parte dei giusti o da quella degli sbagliati. Non bisogna solo condannare senza sapere, soprattutto condannare quelli che, come nei film, fanno la parte dei buoni; sappiamo tutti che anche fra i “buoni” ci sono i violenti e che come tali vanno giudicati e giustamente condannati, ma non è giusto fare di tutta l’erba un fascio e viceversa.
    Giuliani è stato ucciso, non doveva succedere, ma forse, dico forse, se quel povero carabiniere, giovane ed inesperto, pieno di paura, non avesse sparato, forse il morto sarebbe lui …. in questo caso, secondo voi, sarebbe stato giusto?
    Ecco, io ragiono così, non condanno a priori, lo facevo da ragazzina, quando avevo degli ideali che adesso non hanno, almeno per quanto mi riguarda, più ragione di esistere, ma ora, prima di sentenziare cerco di mettermi da ambedue le parti e finisco con il concludere che potrei dar ragione all’una o all’altra parte solo ed esclusivamente se fossi stata presente al fatto!
    Ti scrivo questo commento che, lo dico subito, diventerà parte del mio prossimo post. Ti chiedo scusa del tempo che ti sto portando via per leggerlo, ma volevo farti capire quale è il mio punto di vista, come sono i miei pensieri; io ragiono esattamente come voi, solo in un modo un po’ diverso e quello che mi ha ferito veramente é stato il fatto di essere stata bloccata dal vostro blog. Questo vuol dire che i tuoi amici, alla fine, non sono meglio di coloro che criticano così tanto, non usano la violenza fisica, ma quella morale che, spesso, fa anche più male. Nei miei sei anni di blog ho avuto a che dire con qualche altro blogger per il fatto che non avevamo le stesse idee (forse un paio di volte, non di più, soprattutto nel virtuale non mi piace per niente litigare, poi non ha senso), ma da nessuna delle due parti è mai successo o ci è passato per la mente di bloccarci, al limite abbiamo evitato di commentare ancora sui rispettivi blog, ma questo mi è successo una sola volta e, pensa, mi dispiace ancora adesso, perché con quella ragazza con la quale è successo il malinteso, ci sentivamo pure al telefono, poi si è messa di mezzo una terza persona … etc. etc. … e così quella che avrebbe potuto diventare una bella e vera amicizia è finita così, per una sciocchezza senza senso.
    In data 7 aprile 2013 ho scritto un post su Chico Forti, un mio concittadino, che da più di 13 anni è in un carcere di massima sicurezza negli USA, dal quale uscirà solo morto. Sta scontando una pena per un omicidio mai commesso, incastrato dalla polizia americana perché lui aveva scoperto cose sul caso Versace che nessuno avrebbe dovuto sapere. Io sono una, assieme ad altre migliaia di altre persone in Italia, a battersi da anni perché il nostro Governo si interessi finalmente a questo caso e faccia qualcosa perché l’America si decida a riaprire il caso e finalmente, dopo tanto, forse qualcosa si sta muovendo, grazie anche a personaggi famosi che si sono presi a cuore questo caso. Mi farebbe molto piacere che tu leggessi questo mio post e ti documentassi su questo caso. Ora potrai trovare, in breve, la storia di Chico anche su Wikipedia, è stata dura, ma con l’aiuto di persone che definire splendide è poco, siamo riusciti a riportare pure li la sua terrificante storia!
    Ora, e per finire, vorrei farti una domanda alla quale desidererei una risposta: dopo tutto quello che ho scritto e raccontato ti sembro una persona così terribile da essere bloccata dal vostro blog, in modo tale da non poter più scrivere i suoi “terrificanti, violenti ed offensivi commenti”?
    P.S. I miei commenti non sono mai stati né terrificanti, né violenti, né tantomeno offensivi e sfido chiunque a trovarne uno che lo sia stato!!!
    Ciao 😘
    Marta

    • Guarda che non credo mica tu sia stata bloccata sai
      E’ contro la policy che ci siamo dati
      Prova a mettere un commento a un mio post e vedrai
      Come ti ho detto credo che tu sia una persona perbene ma nella risposta sembrava e dico sembrava ricordalo che tu scusasi la polizia
      Non credo sia una cosa scusabile e su questo divergono le nostre opinioni

      • È ben perché ho provato più volte ed ogni volta, ovviamente in inglese, mi diceva che il mio commento non poteva essere pubblicato, ma comunque non importa, penso che non passerò più da quel blog!
        Ma Masty, allora ho scritto un poema per niente, tu e i tuoi amici siete ancora convinti di ciò che non è.
        Ok mi arrendo, non ho mai scritto un commento così lungo come quello scritto qualche ora fa, come dovessi scusarmi di qualcosa, mentre non ho proprio nulla di cui chiedere scusa.
        A questo punto mi sento una povera deficiente e questo non mi piace, come non mi è piaciuta per niente la tua risposta brevissima ed ancora da persona per niente convinta ….. pazienza!
        Ciao

        • Sentì anziché reagire sempre prova ad apprezzare la sincerità e a pensarci sopra.
          Se io penso di dire una cosa e gli altri ne capiscono un’altra non è’ che sbagliano gli altri forse non mi sono spiegato bene io
          Che hai un cuore e’ chiaro
          Ti voglio bene per questo
          Ma a volte le tue modalità sono da persona che va giù con il machete quando servirebbe un bisturi
          E la stessa cosa che peraltro capita a Intesomale e agli altri sul blog
          E quando due persone così si incontrano finisce con il morto
          Loro sono giovani e scusabili solo per questo tu meno perché dovresti aver già capito che reazioni rabbiose non servono a niente.
          Anche adesso scrivi come se io non avessi capito nulla e ti duoli del fatto che hai persino scritto un commento lunghissimo.
          Ti ho risposto ma tu non hai minimamente preso in considerazione la mia risposta.
          Ti fa star bene così ?
          Preferisci che uno ti dica che sei fantastica anche quando dici una cosa che fantastica non è’ ?

          Io ho rispetto di te e ti voglio bene ma se in un post in cui si parla dell omicidio di una persona fa parte della polizia tu te ne esci con la difesa della polizia perché infondo quello era solo un pusher e la polizia ci serve (perché questo e’ quello che hanno capito tutti) c sono solo queste possibilità :

          1 o la pensi davvero così e allora fai bene a star lontano perché è’ una cosa da persone abbiette

          2 o volevi fare una provocazione e ci sei riuscita benissimo

          3 o ti sei spiegata male e chiedi scusa e dici che volevi dire altro

          Io penso che sia la tre proprio dal lungo discorso che mi hai fatto
          Tu però continui a pensare che solo perché hai una storia e un pensiero che mi hai esplicitato onorevole ciò possa spiegare una uscita disgraziata

          Marta la pena di morte fa schifo e chi uccide dentro ke caserme Diaz o arrestando un pusher e’ peggio di un assassino normale
          Senza se è senza ma

          E sono certo lo pensi anche te
          Poi si può discutere se chiamarlo o non chiamarlo pusher come dice Intesomale che è’ il tuo alterego all incontrario si può discutere se Acab fa schifo oppure no ma quel fatto rimane

          La domanda alla quale devi risponderti e rispondere a me per capire in modo definitivo e’:

          Tu giustifichi quella morte si o no?

          Se e’ si non c’è altro da dire se e’ no allora hai un problema di comunicazione che è’ quello che ti sto dicendo adesso

  3. Io non giustifico ASSOLUTAMENTE quella morte, come puoi pensarlo, come non ho mai giustificato le precedenti, a meno che non fossero causa di un conflitto a fuoco fra le parti, ma anche in quei casi la polizia potrebbe mirare alle gambe o a punti non letali, ma si sa che tante volte può succedere di mirare in un punto e beccarne un altro, anche se questo secondo me serve troppo spesso alla polizia come alibi.
    Allora vuol dire che ho un problema di comunicazione, ma dico sinceramente che pensavo di essermi espressa abbastanza chiaramente. Non chiedermi però di chiedere scusa, non mi sembra di aver fatto o detto delle cose per le quali devo pubblicamente fare ammenda, probabilmente avete ragione voi, mi sono spiegata male e di questo mi dispiace veramente!

  4. Masty, è quello che ho detto! Mi sono spiegata male, convinta che chi mi leggeva avrebbe capito cIo che intendevo! pensa che dopo 25 anni di matrimonio mio marito ed io non riusciamo , a volte, a capirci, cioè, io intendo una cosa e lui ne capisce un’altra.
    Spero proprio che ora tutta questa storia sia finita. Se puoi di ai tuoi amici che mi dispiace un sacco che si sia creata questa incomprensio. Io amo la pace, la tranquillità e,
    perché no, anche le discussioni accese, ma solo nella realtà, quando ci si guarda negli occhi e poi finisce tutto con una buona bevuta 😄😃😀 e quattro risate !
    Spero che tutto questo non si ripeta più, non puoi nemmeno immaginare quanto io odi le incomprensioni, ma nella vita, purtroppota, è normale che possa succedere.
    ok, ricominciamm tutto da capo,permettimi però di dire una cosa, di ai tuoi amici, che presumo siano molto giovani, che alla loro età ero anch’io così, forse anche molto più scatenata, ma ogni tanto bisogna riflettere, sia su quello che si legge, che su quello che si scrive 😉😉
    Un bacio a te, che sei il mio grande amore virtuale …. Ahahahahah … che ai tuoi amici del blog “i discutibili” che, visto il nome, devono capire che bisognanaccettare di mettersi in discussione, altrimenti è meglio cambiare nome al blog 😄😄😄😄😄😄😄

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...